01 Marzo 2017

DISTURBI OVULATORI

Rate this item
(0 votes)
16382 times

Alterazioni della normale ovulazione sono molto diffuse nella popolazione femminile e possono manifestarsi in vario modo, con assenza di flusso mestruale (amenorrea), con cicli irregolari, di più lunga durata o meno frequenti rispetto alla norma (oligomenorrea). Nella maggior parte dei casi, la causa sembra riconducibile a carenze ormonali, ma anche a disturbi ovarici (Carlo Flamigni).

Tra tutti i disturbi ovulatori, la mancata ovulazione è tra i principali fattori di infertilità femminile (è responsabile del 30% dei casi), ma questo non deve stupire se consideriamo che il ciclo è il frutto di una fittissima interconnessione ormonale che richiede l’integrazione e la funzionalità di molti sistemi: funzionalità tiroidea, azione dell’insulina, funzionalità adrenale e funzionalità dell’asse pituitario-ipotalamico. La compromissione di uno o più di questi sistemi ha effetti diretti sulla funzione follicolare, determinando un’alterazione della stessa e mancanza di ovulazione.

Tra i sintomi più frequentemente associati a disturbi ovulatori: irregolarità del ciclo mestruale, oligomenorrea (mestruazioni poco frequenti), obesità, eccessivo e repentino calo ponderale, galattorrea (secrezione di latte dai capezzoli), irsutismo (crescita anomala o eccessiva di peli sul corpo e sul viso), acne.

I disturbi ovulatori sono classificati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità in diversi gruppi sulla base dei livelli di prolattina, FSH e LH, ed estrogeni:

Fallimento ipotalamico pituitario:donne con amenorrea e assenza di segni di produzione di estrogeni, livelli non elevati di prolattina, bassi livelli di FSH, assenza di segni rilevabili di lesioni della regione ipotalamico pituitaria.


Disfunzione ipotalamica pituitaria
: donne con vari disturbi del ciclo mestruale, per esempio insufficienza della fase luteale, cicli anovulatori, sindrome da ovaio policistico, amenorrea, con segni di produzione di estrogeni e livelli di prolattina e FSH nella norma

Fallimento ovarico: donne con amenorrea, assenza di segni di produzione ovarica, elevati livelli di FSH, livelli di prolattina nella norma.


Disturbo congenito o acquisito del tratto riproduttivo: donne con amenorrea che non rispondono a cicli ripetuti di somministrazione di estrogeni.


Donne infertili con iperprolattinemia e lesioni nella regione ipotalamico pituitaria
: donne con vari disturbi del ciclo con alti livelli di prolattina e segni di lesione nella regione ipotalamico pituitaria

Donne infertili con iperprolattinemia e assenza di lesioni rilevabili nella regione ipotalamico pituitaria: come nelle donne del gruppo V, ma assenza di segni di lesioni

Donne con amenorrea in assenza di valori elevati di prolattina e segni di lesioni nella regione ipotalamico pituitaria: donne con bassa produzione di estrogeni, prolattina nella norma o con valori bassi.

Le cause che possono determinare disturbi ovulatori sono diverse, tra le più importanti:

malattie sistemiche
- anomalie della tiroide
- iperprolattinemia (elevati livelli di prolattina nel sangue)

anomalie ipotalamiche
- tumori
- anomalie dovute a stress, perdita di peso, sindrome di Cushing, iperplasia adrenale congenita, tumori ovarici o adrenali

disturbi della ghiandola pituitaria

- tumori
- anomalie dovute a sindrome da ovaio policistico, perdita di peso, infezione (sarcoidosi)

disturbi ovarici

- fallimento ovarico dovuto a cause genetiche, cause infettive, cause chirurgiche, cause immunologiche
- sindrome da ovaio policistico
- tumori

endometriosi: proliferazione di cellule endometriali al di fuori della cavità uterina, ovvero sul peritoneo, che riveste la cavità addominale, e sull’ovaio, dove il sangue "mestruale" si raccoglie in cisti, dando origine a reazioni da parte dell'organismo che provocano effetti negativi sull’anatonia e sulla fisiologia dell'intero apparato riproduttivo. 

Last modified on Mercoledì, 03 Maggio 2017 08:02
amministrazione

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PROGENIA SRL

Ginecologia- Andrologia - Diagnosi e Cura dell'Infertilità

  • tel +39 0831.508553 (9:30 - 18:30)
  • fax +39 0831.588046
  • segreteria@progeniainfertility.it
  • SS7 c/o Cittadella della Ricerca
    72100 Brindisi